Book Of Ra illegali: 15 Arresti a Barletta

book of ra illegaliMentre la lotta si dispiega sempre più sul settore online, nel mondo live le cose sembrano andare sempre alla stessa maniera: le slot machine e sale ospitanti sono da sempre nel mirino dei truffatori.
 
A Barletta, nel corso di un operazione anti mafia, la squadra dei carabinieri ha operato ben 15 arresti a seguito di un blitz in una sala da gioco con ben 7 terminali della Book Of Ra illegali e diverse decine di slot machine. Tra gli arrestati compaiono anche figure di 2 poliziotti, 2 finanzieri, guardie penitenziarie e vigili urbani.
 
Gli investigatori a dire il vero erano impegnati da più di un anno nel cercare un enorme giro di slot truccate in cui la Mafia avevo messo le mani e su cui riusciva così a sottrarre milioni di euro dalle casse statali. Gli arresti sono stati seguiti dall’accusa di concorso in associazione mafiosa, corruzione, concussione e frode informatica.
 
L’organizzazione aveva praticamente monopolizzato il  campo delle slot e video machine arrivando ad obbligare i gestori delle sale ad installare gli apparecchi.
 
Ed infatti, agli arresti, sono seguiti anche 21 provvedimenti di interdizione per quelle sale che appunto ospitavano tali apparecchi illegali e non collegati alla rete aams oltre a diversi edifici e strutture collegate a personaggi del giro che sono stati messi sotto sequestro.
 
Gli apparecchi sequestrati ammontano invece ad un valore di quasi 5 milioni di euro.
 
La notizia mentre da un lato svela ancora le carte di un settore sempre pronto a sforare nell’illegalità a causa dei troppi limiti e divieti imposti, dall’altro mostra la faccia di un corpo di Stato sempre pronto ed attento anche  quando in ballo sono gli interessi della mafia.
 
Il blitz sembra al momento aver smembrato l’intera organizzazione delle slot truccate che faceva capo a tre fratelli imprenditori del luogo: era da tali società che partiva tutto ed al momento non sono stati trovati ulteriori collegamenti con altri mercati nelle mani  della mafia.